Medico Chi Natale Giorno

da Super User
Il capitano potrebbe essere una figura storica della vita reale responsabile per ispirare il design di Tardis È giusto dire che i tifosi di Doctor Who hanno molte grandi domande sul prossimo Natale speciale Due volte su un tempo. Domande del tipo: "Come si rigenera il dodicesimo dottore di Pietro Capaldi? Che cosa sarà il nuovo medico Jodie Whittaker in azione? Come sarà spiegato il ritorno del compagno di Pearl Mackie Bill? E perché il primo dottore torna comunque? Ma altrettanto interessante è quello che si potrebbe chiamare un mistero di secondo livello: chi è il personaggio interpretato da scrittore serie di lunga data (e talvolta attore) Mark Gatiss, un soldato prima guerra mondiale descritto soltanto come “Il Capitano” che sembra essere intrappolati in un singolo momento nel trailer precedentemente pubblicato. Finora, non è stato rivelato nient'altro sulla sua identità, portando alcuni fan ad interrogarsi se potrebbe essere una versione più giovane della classica alleata del Brigata (Nicholas Courtenay) o anche qualche tipo di Time Lord stesso (il nome dell'articolo definitivo è certamente bang sopra). Ma adesso, alcuni Whoviani pensano che abbiano rovinato chi suppone che Gatiss stia portando - e se hanno ragione, è un personaggio con legami incredibilmente legati alle origini di Doctor Who. Vedete, un po 'di tempo alcuni fan di tendenza storica hanno notato una delle linee di Gatiss nel trailer - "Queste scatole di polizia, sono sempre così buone, vero?" - e hanno messo le loro menti a-whirring indietro ad un altro soldato della prima guerra mondiale con un occhio per le costruzioni quadrate e blu. Il suo nome era Gilbert MacKenzie-Trench, un geometra e architetto che lavora per la polizia metropolitana, noto per la progettazione di stazioni di polizia, edifici residenziali e altre costruzioni per tutto il 20th secolo, e che hanno combattuto nella prima guerra mondiale nel suo fine 20s e primi 30s. Come si può vedere in questo quadro colorato (ripristinato da Petra Caroline), ha anche guardato un po 'come Gatiss fa nelle immagini ufficiali (e filmati) rilasciati da Twice At A Time finora. Si noti la differenza di sinistra simile in particolare ... 'Ma che cosa ha a che fare con Doctor Who?' si può legittimamente chiedere. Bene, tra tutti i suoi successi MacKenzie-Trench è probabilmente meglio conosciuto per uno dei suoi progetti più piccoli: il Police Box blu, adottato da 1929 (altre versioni meno ufficiali esistevano prima di questo) e diffuso in tutto il Regno Unito nei decenni successivi. E, naturalmente, il Police Box blu che ha progettato in seguito è diventato famoso in tutto il mondo quando è stato adottato come l'aspetto esteriore del Doctor's Tardis, con la capsula del tempo-viaggio del personaggio bloccata in quella forma mimetica dopo aver visitato gli 1960. Basta pensarci. La storica MacKenzie-Trench che si è ispirata a creare le vere scatole della polizia dopo aver incontrato il Tardis sarebbe stata un'idea di MOLTO Dottore Who (piuttosto come Agatha Christie che ha ottenuto le sue idee dal Decimo Dottore e Donna in L'unicorno e la Vespa), e ancora un altro modo per aver lasciato lo showrunner e sceneggiatore Steven Moffat per rendere omaggio alla storia di Doctor Who nel suo ultimo evviva. I primi e dodici medici tardizzano due volte in un tempo e dato che il piccolo che abbiamo visto del carattere di Gatiss lo vede esprimere ammirazione per le caselle di polizia di entrambi i Time Lords (in particolare, sembra più innamorato della versione più 1960s pilotata da Il primo dottore di David Bradley), non sembra troppo difficile immaginare che il Doctor Who stia rubacchiando dalla storia reale per creare una circonferenza precisa sulle origini della serie. Poi di nuovo, potrebbe essere che stiamo sbagliando e abbiamo trascorso un'intera mattina a ricercare la storia delle casse di polizia nel Regno Unito per nessun motivo. Ad ogni modo, siamo abbastanza contenti di come abbiamo trascorso il nostro tempo. Doctor Who torna a BBC1 il giorno di Natale

Lasciare il tuo Commenti

Commenti

  • Non ci sono commenti trovati