Tom Shillue: Perché I amore a falso Natale albero

da Super User
Sembra esserci qualche polemica nel dibattito "falso contro reale" sugli alberi di Natale. Sono orgoglioso di alberi finti. Non ho bisogno di giudizi da voi "naturalisti". Conosco tutti gli argomenti a favore dell'albero reale: un vero albero è più autentico, ha un buon profumo e ti ricorda i vecchi tempi in cui tu e la tua zampa avreste esca in una gelida mattinata di dicembre con l'ascia in mano e abbatti un albero. Ma non penso che tu l'abbia mai fatto, vero? Il mio principale problema con i veri alberi di Natale sono gli aghi. Arrivano dappertutto. Sono un disastro e hanno un modo di inserirsi in profondità in tutti i tessuti. A marzo li sto ancora tirando fuori dai miei maglioni e calze di lana.

"Ma l'odore!" Dici, "Adoro l'aroma fresco di pino." Il mio principale problema con i veri alberi di Natale sono gli aghi. Arrivano dappertutto. Sono un disastro e hanno un modo di inserirsi in profondità in tutti i tessuti. A marzo li sto ancora tirando fuori dai miei maglioni e calze di lana. Bene, ne fanno anche una versione artificiale, in una bomboletta spray, e funziona perfettamente. Ti crederò se mi dici che puoi sentire l'odore della differenza, ma non penso che valga la pena degli aghi nei calzini.

E non mi piace il processo di acquisto dell'albero reale. Non mi fido mai di quei nomadi villaggi di alberi di Natale che spuntano dappertutto subito dopo il Ringraziamento, presidiati da uno strano personaggio che sembra essere chiamato Yukon Jack nel trailer. Mi sono sempre chiesto: Yukon Jack dorme nel trailer per tutto il mese? Poi arriva il processo di mercanteggiamento, seguito dalla patetica visione di me che cerca di legare la cosa al tetto della mia macchina. Quando ero bambino, una delle cose che aspettavo con ansia ogni Natale era salire in soffitta e trascinare l'albero artificiale fuori dal magazzino. Avremmo portato la scatola al piano di sotto e l'avremmo assemblata mentre stavamo guardando un film in vacanza in TV.

Fila a fila, conficciamo i rami finti nel finto tronco d'albero. È stato un divertente progetto di famiglia. Non c'era vergogna, perché, naturalmente, tutto negli 1970 era artificiale: colorazione, dolcificante e tappeto erboso, solo per citare alcuni esempi. La tecnologia degli alberi artificiali era ancora agli inizi. I rami filiformi non sembravano molto diversi dalla spazzola che usavamo per pulire la nostra toilette. Ma una volta che l'intera cosa è stata assemblata e decorata con luci e ornamenti, è sembrata abbastanza reale. Ci è piaciuto molto. La mia conclusione: il periodo natalizio è tutto incentrato sui rituali e quelli con cui sei cresciuto sono solitamente quelli che apprezzi. Quindi amo un albero finto. Se sei un amante della linea dura degli alberi veri, dovremo rispettosamente essere in disaccordo. E in questi giorni, non è abbastanza buono?

Lasciare il tuo Commenti

Commenti

  • Non ci sono commenti trovati